Aree di lavoro
  • Genere
  • Inclusione
  • Innovazione
  • Dipendenze
  • Welfare
  • Lavoro
  • Comunità
  • Partecipazione
  • Migrazioni
  • Scuola
  • Giovani

GAP. Mappatura del gioco d’azzardo nella provincia di Varese

Nell’ambito del finanziamento di Regione Lombardia per lo sviluppo e il consolidamento di azioni di prevenzione e contrasto alle forme di dipendenza dal gioco d’azzardo lecito, Codici partecipa come partner a 3 progetti nella provincia di Varese – distretto di Varese (progetto “Monetine”), Saronno (progetto “GAP 2.0”) e Luino (progetto “Proposte azzardate”) – per realizzare una mappatura dell’offerta di Gioco d’Azzardo (slot e videolottery) e dei presidi di cura e trattamento del GAP (Gioco d’Azzardo Patologico). In collaborazione con gli operatori del partner cooperativa sociale Lotta contro l’Emarginazione (VA), Codici svolge un identico lavoro di ricerca e di mappatura in tutti i distretti (per un totale di 44 comuni mappati), suddiviso in 2 attività parallele: la mappatura geolocalizzata degli esercizi pubblici con apparecchi Slot e Videolottery, dei luoghi sensibili e dei presidi GAP e la mappatura sul campo negli esercizi. Download del progetto completo >>

La mappatura geolocalizzata ha l’obiettivo di offrire una fotografia dell’offerta di Gioco d’Azzardo lecito (in termini di installazione autorizzata di Newslot Videolottery) sul territorio dei distretti di Varese, Saronno, Luino, Como, Sondrio, Lachiarella e Sesto San Giovanni (MI), attraverso la geolocalizzazione degli esercizi pubblici che hanno installato apparecchi di intrattenimento tipo AWP (Newslot) e VLT (Videolotteries). E’ uno strumento pubblico, accessibile e condiviso, realizzato dello fablab opendot, che permette di consultare i dati raccolti nel corso del progetto e di confrontarli in base ai diversi ambiti distrettuali. Risponde inoltra all’esigenza informativa e di orientamento di pubblica amministrazione, polizia locale e dei professionisti del settore, offrendo elementi di conoscenza e di riflessione relativamente a temi quali: diffusione e capillarità dell’offerta, grado di rischio (per numerosità e/o per vicinanza geografica) nell’aggancio di target sensibili e grado di presidio di strutture competenti. La mappa intende anche porsi come strumento di orientamento all’aiuto per quei giocatori o per le loro famiglie che si trovano in difficoltà legate al gioco d’azzardo problematico e patologico, attraverso la geolocalizzazione dei servizi pubblici e delle organizzazioni del terzo settore che possono dare loro ascolto e sostegno.

Vai alla mappa >>

La mappatura sul campo è stata svolta da un ricercatore di Codici nei territori dei distretti di Varese, Saronno e Busto e Luino, a partire dall’elenco pubblico dall’Agenzia dei Monopoli-Giochi. Sono stati mappati in totale sui distretti citati 319 esercizi rilevati e osservati 630 giocatori. Gli elementi raccolti attraverso le schede hanno permesso di elaborare statisticamente i dati, ricavandone frequenze, rilevanza e significatività rispetto a fattori di rischio e protettivi: diffusione dell’offerta, prossimità a luoghi sensibili, accessibilità all’offerta di gioco, pericolosità degli ambienti costruiti per VLT (effetto bolla), modalità di gioco solitaria, accessibilità all’informazione sui rischi. Questo tipo di rilevazione ha permesso di costruire anche una mappa ragionata sui rischi relativi all’impatto sul territorio. La mappa composta dalla geolocalizzazione e da un’analisi qualitativa sul campo ha permesso di individuare le zone della città di Varese e del distretto dove si concentrano fattori oggettivi e di contesto che incidono sui rischi non solo dei giocatori ma sull’intera popolazione.

Il lavoro di mappatura ha consentito anche di intervistare diversi interlocutori coinvolti nel tema Gioco d’Azzardo a vario titolo: gestori di esercizi tipo bar e sale dedicate, assessori e sindaci, polizia locale, assistenti sociali, medici di base, ex giocatori di azzardo. Gli esiti e gli elementi che emergono da entrambe le mappature sono stati discussi con i partner dei rispettivi progetti e le amministrazioni locali in incontri dedicati e sono confluiti in un report finale ad uso dell’ente pubblico e degli addetti ai lavori, contenente i principali risultati e le relative considerazioni e suggerimenti per migliorare le politiche locali sul tema.

 

 

In collaborazione con