Aree di lavoro
  • Inclusione
  • Innovazione
  • Dipendenze
  • Welfare
  • Lavoro
  • Comunità
  • Partecipazione
  • Migrazioni
  • Scuola
  • Giovani

Quello che dovete sapere di me

Un progetto di ricerca partecipata commissionato dall’Associazione Guide e Scouts Cattolici Italiani (Agesci) a Codici in occasione della Route nazionale 2014 a San Rossore. Obiettivo della ricerca è comprendere la ‘domanda educativa’ che i partecipanti alla Route, ovvero ragazzi e ragazze dai 16 ai 20 e più anni, rivolgono all’esperienza scout, ai capi, agli adulti che incontrano. Quella ‘domanda educativa’ è composta da vissuti personali, aspettative, desideri, paure, e al contempo dipende da come l’esperienza scout viene interpretata, assunta a risposta o occasione per crescere, per stare insieme.

La ricerca ha un’impostazione lontana dalle più tradizionali indagini sui giovani, non intende profilare stili di vita, consumi o comportamenti a rischio, ma focalizzarsi su due aree conoscitive: vissuti personali da un lato, esperienza scout dall’altro. La ricerca assume, come prima operazione di ricerca, lo strumento della lettera, una modalità che più di ogni altra consente di raccogliere i vissuti emotivi, gli aspetti proiettivi, i desideri, le attese, le paure, quindi per conoscere meglio i ragazzi e le ragazze che hanno scelto l’esperienza scout. E’ lanciata una raccolta di lettere, nelle quali ai ragazzi e alle ragazze scout è chiesto di scrivere “quello che dovete sapere di me”. Sono raccolte oltre mille lettere, lette e codificate, e andate infine a comporre il volume Quello che dovete sapere di me, a cura di Stefano Laffi (Feltrinelli 2016).

La seconda operazione di ricerca, invece, si focalizzata sull’analisi di quella che, all’interno di un gruppo scout, può essere definita come una ‘esperienza ottimale’, intesa come esperienza che combina diversi elementi: apprendimenti, senso di autoefficacia, immersione, motivazione. Tramite una ricerca peer-to-peer, che coinvolge circa cento gruppi scout di tutto il territorio nazionale, con 10-15 partecipanti per ciascun gruppo, sono prodotte ed elaborate oltre mille schede relative alle esperienze ottimali degli scout. I materiali sono il centro della piattaforma Scoutpedia che raccoglie i racconti dei rover e delle scolte, le Voci cioè oltre 3000 parole che sono gli ingredienti di tali esperienze, le loro Definizioni, una sezione sulla Ricerca fatta da Codici, e le Infografiche, una possibile sistematizzazione del racconto collettivo sull’esperienza scout.

 

James Turrell, Skyspace, Within Without, the National Gallery of Australia, Canberra, 2010. ph. Russell Street. CC BY-SA

In collaborazione con
Altre news